Roma, 13 dicembre 2013

urbact-ico

Roma Capitale, la tedesca Brema e la romena Alba Iulia insieme per sperimentare usi urbani temporanei di edifici e spazi dismessi, in particolare per la valorizzazione del patrimonio pubblico inutilizzato e sotto-utilizzato, grazie a un finanziamento di oltre 250.00 euro ottenuto partecipando con un progetto condiviso a un bando promosso da URBACT -programma europeo di formazione e scambi a cui aderiscono 500 città di 29 diversi paesi- che offre la possibilità di presentare proposte per la formazione di network dedicati alla diffusione di progetti pilota di rilevanza urbana.

Recuperare e destinare a nuovi usi edifici e spazi dismessi o sottoutilizzati è uno dei capisaldi della politica di rigenerazione urbana inaugurata dalla nuova amministrazione di Roma Capitale che,  tramite il suo Dipartimento di Programmazione e Attuazione Urbanistica, ha accettato l’invito a fare da capofila del network  “TUTUR” (Network on temporary uses as tool for urban regeneration) anche con l’obiettivo di una rivisitazione della strumentazione urbanistica che la renda più adeguata a intercettare e sperimentare usi e modalità d’utilizzo emergenti e innovative.

La proposta parte dall’iniziativa ZwischenZeitZentrale, con cui la città di Brema ha promosso il riuso temporaneo di oltre 50 immobili vacanti: da piccoli negozi di 30 metri quadri fino a grandi superfici industriali dismesse di più di 4.500 metri quadri (nelle foto alcuni degli interventi). La realizzazione di questi progetti ha rappresentato un’opportunità preziosa non solo per la sperimentazione di usi urbani inediti e irrituali ma anche per l’innovazione delle procedure di pianificazione urbana impiegate dall’amministrazione.
La proposta progettuale approvata prevede l’organizzazione di occasioni di scambio fra le tre città a partire dalla diffusione del progetto promosso dalla città di Brema e la predisposizione di un piano di azione locale per l’attivazione di progetti di uso temporaneo a Roma e Alba Iulia.

A questa prima fase seguiranno la concreta sperimentazione di un progetto di uso temporaneo nel quadro delle linee guida del piano di azione locale e, infine, l’analisi e la valutazione del lavoro svolto in vista di una pubblicazione a cura dei tre partner.

http://www.urbanistica.comune.roma.it/attivita/1382-urbact-roma-capofila-di-un-network-per-la-rigenerazione-urbana.html

Comments are closed.

Post Navigation